domenica 21 dicembre 2014

bomba


"Non piangi, non studi, ti chiudi in camera e pensi.
Natale, il pranzo, i parenti. Il pasto.
Non cenerai(ma magari!)lo sai già, ma Natale, i parenti, la tavola...mangerai. Lo sai.
L'angoscia, il telefono, sale.
Mandi a quel paese il telefono, ma l'angoscia no, quella non se ne va.
E cosi pensi a come non avere fame, tu non meriti quel cibo,no.
Ti sei lasciata andare, vedi?!
Sei ingrassata, devi rimediare!
Li vuoi ancora i commenti sul fatto che sei dimagrita?!
L'unica cosa capace di appagarti é non mangiare, solo il pensiero ti fa sentire potente.
Tu puoi vivere senza, devi convincertene.
Hai il ciclo? Non sarebbe bello liberarsi di questa scocciatura?
40 non sono lontani, arrivaci! Puoi!
38? Se hai raggiunto i 40 puoi arrivare anche a 38!!
Ti metterai il vestito che hai comprato ma solo quando avrai la pancia piatta.
Tua madre ti dice che non hai più le cosce sode di un tempo,é vero, ma erano cosce enormi, grasse, obese.
E tu non le vuoi,vero?!
Devono essere filiformi, dritte.
Il seno é sparito? Che importa?!
A tua madre forse, ma a te, non é mai fregato nulla e poi, avanti! Il mondo é pieno di piatte!!
Rifiuta! Repelli! Sfascia gli schemi!!
Il mondo é pieno di gente ordinaria, tu devi essere di più, migliore, distinguerti!!
Devi nasconderti, affondare in felpone, pantaloni larghi, il mondo non deve vederti!!
Hai perso gli amici?
Ti isoli?
Forse stai riuscendo nella tua impresa, hai perso 10 kg dopotutto,no?
Non dispiacerti! Sii perfetta anche con loro!
Diventa l'amica che tutti vorrebbero, quella a cui si rivolgono, sulla quale fanno affidamento!!
Sorridi!
Sii felice con gli altri!
Per gli altri!
Mettiti in testa di studiare!
Niente debiti questa estate!
Brilla!!
"

Tempo fa, un pomeriggio in cui non riuscivo a studiare della scorsa settimana, scrissi questo.
Il giorno dopo fu una giornata da ricordare, controllo allo stato puro!
Fame presente ma alla quale ho saputo resistere.
Il giorno dopo sono uscita, mettendomi un paio di jeans, o meglio provando a mettermi un paio di jeans, trovati sepolti nell'armadio che mettevo in quinta elementare, e ci entravo!!
Dopo aver comprato tutto ciò che mi era stato richiesto sono entrata in un negozio e ho preso una pizza poi sono corsa in un vicolo e l'ho mangiata o meglio, mi sono strafogata
Non soddisfatta sono andata in un altro negozio e ho preso il.pezzo più grande e quello che mi pareva più calorico e ho mangiato anche quello, poi é stata la volta del vassoio di paste...
Umiliata, delusa da me stessa non so che altro aggiungere, uno schifo.
Dato che la giornata era rovinata ho continuato cosi per tutta la settimana fino ad oggi ,dove il senso di colpa si sta riversando a cascata.
Sono immobile ma dentro sta succedendo il finimondo.
Non voglio cenare eppure so che ho fame, o no?
Non lo so.
So che non voglio cenare ma che se mi siederò a tavola lo farò.
Non va bene.
Domani é lunedì.
Dovrei avere un proposito ma non dico nulla perché non ci credo più, non lo manterrei, mi smentirei da sola, come da copione.
É un periodaccio, é tutta la settimana che non vado a scuola ma domani mi tocca, non voglio vedere nessuno, ma sono costretta.
Natale si sta avvicinando e in maniera diretta sta peggiorando il mio umore
Ansia, paura, voglia di scappare senza salutare nessuno in un posto isolato, sanguinare fino a scomparire, addormentarsi e non svegliarsi mai più, sono tutte le cose che sento e desidero ogni secondo
Buon Natale a tutti...

5 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Non credo dovresti essere umiliata nè delusa da te stessa... a me sembra che, molto semplicemente, la fisiologia abbia fatto il suo corso: un giorno hai mangiato troppo poco, il giorno dopo il tuo corpo ha richiesto quello che ti eri negata il giorno prima, perchè percepiva un deficit. In questo tu non c'entri niente, c'entra la fisiologia dell'essere umano. Lascia perdere le contraddizioni della malattia - vedi primo paragrafo del post, in cui ti contraddici a dir poco almeno 5 - 6 volte - e valuta quali sono i tuoi veri obiettivi: il cibo/peso è un comodo capro espiatorio, ma cosa ci stai nascondendo dietro?...

    Per gli auguri di Natale arrivo troppo tardi... ti faccio pertanto gli auguri di buon anno nuovo... vale lo stesso?!... ^__-

    Un abbraccio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao; in verità non so bene come spiegarlo, ammetto che forse mi contraddico un po', eppure se l'obbiettivo è uno come posso avere due differenti, chiamiamole idee, per raggiungere tale obbiettivo?
      volere una cosa, ma desiderare anche quella opposta?
      Ammetto di non andare d'amore e d'accordo con il cibo, ma non tanto da farne una patologia. Io non sto così tanto male ne bramo ad arrivare a una cosa del genere.
      Forse questo contraddirsi, questo rifiutare un giorno e esagerare quello dopo, questo non vedersi come si vorrebbe è tutta colpa dell'adolescenza che spero un giorno passerà. Deve.
      Ammetto che prendersela con qualcosa di inanimato sia la cosa più facile che si possa fare, non dovrebbe fare "male",no?

      Per gli auguri: grazie mille! Quelli fanno sempre piacere( e a dirla tutta non arrivi neppure tardissimo per quelli di Natale, per i quali ti ringrazio, da brava fissata con questa festività) ti auguro lo stesso, buon anno Veggie !!
      E grazie per le tue parole!! :)

      Elimina