martedì 11 agosto 2015

Cara altra me...

Carissima altra me,
smetti di tormentarti, di pensare troppo fino ad esaurirti, tra conteggi di calorie mangiate,quelle che dovrai mangiare e come le smaltirai.
Smetti di pensare che non sei nessuno e, ti prego, torna a commuoverti per quelle vecchie foto.
Libera il tuo cuore da quella apparente prigione di ghiaccio nel quale lo hai rinchiuso e non negare che fuori ci sia il sole.
Lo so, lo so che non sei espansiva e la gente non ti cerca per questo motivo, ma allora cercale tu le persone.
( senza fidarti troppo, ok? Sappiamo già come é andata a finire le altre volte.)
Smetti di mentire e non credere che un temperino ti fará stare meglio, perché lo sai meglio di me, che non é affatto così.
Smettila di svegliarti la notte per fare esercizi su esercizi.
Smettila di sentirti in colpa per quello che mangi, non credere in quella vocina  che ti ha spinto fin qui, promettendoti di essere bella.
Smettila di mentire ai tuoi che tanto ti vedono già depressa.
Cara altra me, sparisci dalla mia vita.
Io sto facendo a pugni con te e per ora stai vincendo solo tu.
Mi sono arresa, é vero, ma ho deciso di voler smettere di sopravvivere e di provare a vivere.
Prendi questa come una tregua momentanea, altra me,ma tornerò presto a farti guerra.
( Certo che se te ne andassi di spontanea volontà io ne sarei solo contenta, ma é solo pura utopia)
Cara altra me, libera dalla prigione in cui hai rinchiuso quella ragazza che parlava con gli occhi e non sorrideva quasi mai, quella ragazza che amava correre per i prati e sentirsi libera ma che ora é morta.
Ridammi la mia vita a la mia libertà.
Con grande odio e amore
Me, te.

5 commenti:

  1. non dire ridammi... ma riprenditela tu! le cose possono cambiare... basta crederci e volerlo!!!!! esisti solo tu.... e invece di lottare contro te stessa ascolta quella vocina, parla con lei, anche ad alta voce e capisci perchè non va via... sembrerai pazza, ma non hai niente da perdere! prova.

    RispondiElimina
  2. Ciao F., sai che questo post mi ha ricordato un esercizio che facevo con la psicologa, di pensare a tutte le mie para e attribuirle a un'altra ME... dovevo scriverle delle lettere, farle capire che il suo comportamento era sbagliato ecc.
    Non era un brutto esercizio, mi è servito a capire tante cose ma sono d'accordo con bea bilba, alla fine siamo sempre noi, non c'e un altro che ci fa del male, siamo noi.
    Però sono contenta di leggere tanta emozione in questo post, anche se ti conosco solo dal blog penso che sei già bellissima per quello che hai dentro, non c'e nessuna vocina che ti farà diventare più bella di quello che sei già.
    Ti sono vicina sempre, un bacino <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Nana, grazie <3
      Ricambio l'abbraccio

      Elimina
  3. Bellissimo questo post. Sono combattuta tra speranza e disillusione mista a rassegnazione...
    Non so cosa scrivere, però ci tenevo a lasciare un commento perché mi sento tanto vicino a te.
    Io ho preso 20 kg, tu 2, ma il dolore,non ha peso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore anche solamente per aver preso 10 minuti ed essere lasciando un commento.
      Non potevi dire una cosa più vera.
      Il dolore non ha peso, non è paragonabile, non gli si può dare un tempo...
      Ti abbraccio forte forte <3

      Elimina